A-DIO, Don Francesco - Unità Pastorale di Susegana
Sito interner dell'Unità pastorale di Susegana con le parrocchie di Colfosco, Crevada, Ponte della Priula e Susegana
1102
post-template-default,single,single-post,postid-1102,single-format-standard,bridge-core-2.7.7,,qode_grid_1400,vss_responsive_adv,vss_width_1000,footer_responsive_adv,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-26.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.9.0,vc_responsive

A-DIO, Don Francesco

Nella notte tra il 4 e il 5 gennaio, all’ospedale Ca’ Foncello di Treviso dove era ricoverato a causa delle complicazioni legate al contagio del Covid, è morto mons. Francesco Toffoli, per 36 anni parroco di Ponte della Priula (1982-2018). Nato a Scomigo nel 1940 – aveva compiuto 80 anni lo scorso 22 settembre – e ordinato sacerdote a Fregona nel 1965, dal 2018 era collaboratore nell’Unità pastorale di Vazzola e San Polo. Nominato nel 2003 Cappellano di Sua Santità, aveva ricoperto dal 2004 al 2009 anche il delicato incarico di Vicario episcopale per il coordinamento delle attività pastorali della diocesi.

Personalità forte e dalla spiritualità esigente, era stato un sicuro punto di riferimento per la comunità di Ponte della Priula, dove tutti lo ricordano con affetto, apprezzando in particolare la sua vicinanza ad anziani e ammalati, e a quanti vivevano dei momenti di prova e di fatica. Con grande passione, aveva a cuore la formazione interiore di quanti frequentavano la parrocchia nelle molteplici attività che aveva avviato negli anni.

Nella sua lettera di saluto alla comunità parrocchiale in occasione del suo congedo (settembre 2018), don Francesco scriveva: «Carissimi fratelli e sorelle di Ponte! Invoco su tutte e sulle singole famiglie la benedizione del Signore […]. Dopo 36 anni, è una sofferenza grande lasciare voi, miei familiari di Ponte: l’amata parrocchia di San Carlo Borromeo! In questi anni, anche se ci sono riuscito poco, ho cercato di condividere la mia vita con voi cristiani cattolici e ortodossi, musulmani, e con i membri di tutte le religioni presenti: abbiamo condiviso grandi e piccole gioie e talvolta grandi sofferenze e povertà. […] Diciamo grazie al Signore e alla Madonna, e diciamoci un grazie reciproco per il bene che ci siamo voluti e per il cammino di fede e di bontà che, insieme, sostenuti dall’Eucaristia, abbiamo percorso in questi 36 anni […]. Ci consoli il fatto che Dio premia anche un bicchier d’acqua dato a chi ha sete e quindi nulla andrà perduto».

La S. Messa esequiale sarà celebrata sabato 9 gennaio alle ore 10.00 nella chiesa parrocchiale di Ponte della Priula, nel cui cimitero sarà poi sepolto don Francesco, secondo il suo desiderio.

Venerdì sera alle ore 20.00 nella chiesa di Ponte della Priula sarà recitato il Rosario in suo suffragio.

—–
Foto da L’Azione

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.